Uno Casino Roulette splash contro la mafia” Oggi manifestazione studentesca a Palermo

Sono il fratello del giudice Paolo Borsellino, una persona che per lo Stato che Lei oggi rappresenta ha dato la vita, senza esitare, senza chiedersi se ne valeva la pena.

Le scrivo oggi per chiederLe urgentemente un incontro sul caso dell’imprenditore Giuseppe Masciari, che dopo aver fatto il proprio dovere, quello di denunciare i suoi estorsori e farli condannare, oggi si trova in un pericolosissimo limbo istituzionale casino recensione.

Lui assieme alla moglie, medico odontoiatra, ed ai due suoi figli.
Voglio incontrarLa presto, perché anche se sono certo che non riuscirò mai ad avere giustizia per mio fratello Paolo, sento di dovere impegnarmi con tutto me stesso affinché questo imprenditore coraggioso e la sua famiglia abbiano la speranza di un futuro certo in termini di sicurezza e possibilità di lavoro oltre che di tutela della propria vita.

Se chi si ribella al pizzo viene ripagato in questa maniera dallo Stato www.gamingreport.com/giochi-casino/slot-machine, come può lo stesso Stato chiedere ad altri di rifiutarsi di sottostare a queste vessazioni o risultare credibile quando parla di volontà di lotta alla criminalità organizzata ?

Lo Stato italiano non può muoversi solo in occasione delle tragedie, dovrebbe evitare che accadano, dovrebbe tutelare questi cittadini di cui dovrebbe andare fiera finché sono in vita e non piangerli dopo morti.
Per questo Le chiedo ufficialmente un incontro alla presenza mia e dei coniugi Masciari, per chiederLe di profondere ogni energia per risolvere questo caso, che si trascina vergognosamente e nell’indifferenza delle Istituzioni da ormai 11 lunghi anni.Confidando nella Sua sensibilità e riconoscenza nei confronti di questi cittadini coraggiosi, Le porgo i più sinceri saluti.

Non c’è che dire. Il Palermo è protagonista assoluto di questo inizio di calciomercato 2008. Ben sette i grandi colpi già messi a segno dalla società rosanero roulette online: De Melo, Kjaer, Nocerino, Lanzafame, Raggi, Liverani, Amelia. Niente male per essere solo ad inizio Giugno. Zamparini sta evidentemente facendo di tutto per far dimenticare ai tifosi la cessione di Amauri, certamente dolorosa, ma altrettanto inevitabile. Rino Foschi sta lavorando alla grande e l’ organico del Palermo si arricchisce, giorno dopo giorno, di un nuovo importante tassello. La cessione di Amauri, ma anche quelle di Barzagli, Zaccardo e Rinaudo, hanno portato denaro fresco da investire e il Palermo lo sta facendo nel modo giusto. Come detto siamo solo all’ inizio, ma senza dubbio Stefano Colantuono sta già scalpitando per mettersi al volante del bolide rosanero, che il presidente gli sta costruendo. E la tifoseria? Cosa ne pensa del Palermo che sta nascendo? Siamo andati a dare un’ occhiata ad alcuni dei tanti siti dedicati ai tifosi rosanero.

Sabato 7 giugno comincera a Basilea, in programma Svizzera-Repubblica Ceca alle 18, l’Euro2008 che si svolgerà in Austria e Svizzera. 4 gironi che vedranno contendersi la piazza piu’ alta d’europa che 4 anni fa incoronò a sopresa la Grecia di Karagounis e compagni. L’Italia, da campione del mondo in carica, avrà un girone di ferro con Olanda,Francia e Romania. Premessa: dopo il 3 a 1 con il Belgio in amichevole, la squadra sembrava sulle giuste rotaie 387 miliardi dollari. L’infortunio del capitano Cannavaro, colui che alzò la Coppa del Mondo in cielo a Berlino, è una brutta tegola per il CT Donadoni e per il clan azzurro che sente di aver perso un pezzo importante non solo per il reparto difensivo ma anche per la leadership in mezzo al campo.

Pippo Baudo Slot Machine probabile futuro Sindaco di Palermo

Zamparini ha deciso di sollevare Rino Foschi dal ruolo di Direttore sportivo del Palermo. Notizia davvero incredibile, come totalmente inattesa, dopo un calcio mercato strepitoso come quello che, l’ ormai ex d.s., stava svolgendo per la costruzione del Palermo 2008/09 – Gioca con moderazione.

Eh, si capita anche questo! A Scopello il parroco della Paroccchia “Maria SS. Delle Grazie” tale padre Michele A. Crociata ha deciso di fare dei lavori di ristrutturazione alla chiesa. Lodevole iniziativa, ma i soldi – si sa – non sono mai sufficienti e il prete è consapevole del fatto che non basta spolpare solo i fedeli che si presentano alla messa, deve inventarsi qualcosa di meglio per aggiudicarsi una cifretta un po’ più consistente.  A Scopello lo conoscono bene: Padre Crociata è di quelli ne sa una più del diavolo! Il parroco mette mano al pc e scrive una lettera che ha poi imbustato ed inviato a tutti gli operatori economici presenti sul territorio parrocchiale. La lettera è chiara, secca e decisa: “qui ci vogliono i soldi”. Certo non è facile motivare una richiesta così diretta e spicciola, ma Padre Crociata sa come fare: toccando gli interessi e il portafoglio del commerciante sprovveduto, spesso non praticante ma comunque ossequioso nei confronti del clero (perché non si sa mai) gaming online. Così nella lettera il parroco ricorda agli operatori economici che la chiesa favorisce tutti, anche e soprattutto i commercianti, gli stessi commercianti che ogni domenica percepiscono notevoli guadagni grazie ai clienti che dalla messa si riversano poi nei vari bar, paninerie, negozi di souvenir. Insomma, la chiesa vi dà i soldi dei fedeli, adesso dovete darne un po’ voi alla chiesa!

Anche quest’anno torna la rassegna teatrale “Teatro da kamera”, organizzata dall’associazione Gruppo 97 in collaborazione, il Ccp Agricantus e Teatri D’Arte Mediterranei con il contributo della Provincia di Palermo, in programma dall’1 al 9 luglio all’interno della nuova stagione estiva dell’Agricantus.

Sono in tanti che si apprestano a partire per le terre dei Caraibi, Sud America, Oriente, Tropici, come in tanti nel Medio Evo pensavano di partire per la Terra Santa. Grande goduria. Chi c’era stato narrava di mera­viglie e atmosfere paradisiache, tutto era rimasto come più di 500 anni prima. C’era il libro dove Gesù da piccolo aveva imparato l’alfabeto, il pozzo dove, più grande, aveva incontrato la Samaritana e c’era ancora il secchio da dove si era dissetato. Chi volesse informazioni in merito bastava che leggesse o meglio si facesse leggere l’Itinerarium Antonini Piacentini. Non c’è da meravigliarsi se si pensa che i monaci inglesi di Peterborough conservavano alcune briciole dei pani con cui Cristo aveva sfamato 5.000 persone prendere dimestichezza con il casinò. Le pagnotte ancora intere si trovavano invece nel Palazzo Sacro di Bisanzio insieme ai sandali di Cristo, gli scheletri integri di Maria Maddalena e Lazzaro e i capelli di Giovanni Battista. Era stata la madre di Costantino, Elena, ostessa-concubina pagana prima, augusta imperatrice-santa poi, a dare l’esempio di come, attraverso squadre di ricerca, si erano potuti trovare luoghi e cose anche dopo centinaia d’anni e dopo capovolgimenti naturali e distruzioni a tappeto romane. Così erano stati identificati, tra gli altri, il posto esatto in cui la Maddalena aveva ricevuto la notizia della resurrezione di Cristo, l’originale della croce con tanto di targhetta recante la scritta re dei Giudei, il velo della Veronica, il punto del roveto ardente da dove Dio aveva parlato a Mosè. Le reliquie non mancavano e il monachesimo era già nella hit-parade. Una bella mano gliela aveva data Benedetto da Norcia. Salvato il corpo da attentati e avvelenamenti e l’anima da diabolici spogliarelli organizzatigli contro dall’invidioso di turno, il santo aveva lanciato la sua Regola. Schiere di monaci avevano risposto adeguandosi entusiasti ad una rigidissima disciplina mistico-carceraria. Monasteri erano sorti ovunque come luoghi di preghiera, di profonda tensione spirituale, di studio, di lavoro.